Newsletter

Le infinite meraviglie che puoi cucinare…

Cibo e mangiar bene19/10/2018

…con tre etti di Gorgonzola!

Vi siete mai chiesti perché si chiami Gorgonzola? Prende il nome da una piccola città vicino a Milano e inizialmente, secoli fa, lo chiamavano “stracchino di gorgonzola” con riferimento alle vacche "stracche", ovvero stanche dopo la transumanza dalle zone alpine della Valsassina alla zona pianeggiante di Gorgonzola. E come lo si riconosce? Dalla G impressa sulla confezione, che ne attesta l’autenticità! Solo il latte degli allevamenti bovini delle provincie di Novara, Vercelli, Cuneo, Biella, Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Milano, Monza, Pavia e Varese, Verbano-Cusio-Ossola e il territorio di Casale Monferrato può essere utilizzato per produrre il gorgonzola conferendogli la denominazione d’origine protetta.

Come sempre, a ogni passaggio di stagione, il Consorzio del Gorgonzola DOP torna a dilettarci con le sue proposte di ricette: crespelle verdi alle erbette, quiche di cipollotti, stracci alla Trevigiana, porcini e patate al gratin. Anche le pere Williams possono essere riempite di Gorgonzola e zucca. E il mix mare-pianura prevede gamberi gratinati con senape ed erba cipollina… se vi faceste problemi di dieta vi diremo che in una fetta di cento grammi sono presenti fosforo, zinco, magnesio, vitamine del gruppo A, B1, B12.

Dove trovare questi prodotti?

Mostra nella mappa

Orari d'apertura

Lun–Sab 8:30-21:00Dom 9:00-20:00

Contatto

051 595902 / 051 595908

Altre notizie

#JustAsk

Rispondiamo
entro un'ora
sulla nostra pagina Facebook

Fai la tua domanda
Orari d'apertura

Telefono: 051-6178030
> Contattaci

Top