Indietro
1920x580

Salopette e camicia romantica

Due icone in bianco!

Sono due icone. La salopette nasce nell’Ottocento come indumento da lavoro, poi confluito nello stile quotidiano negli anni Sessanta. La camicia ha una storia lunghissima: la sua genesi è nell’antica Roma, nel III secolo dopo Cristo, quando viveva sotto forma di tunica da mettere sotto i vestiti. Poi, nel Rinascimento il colletto, arricchito di pizzo, diventa strumento per dimostrare la propria importanza sociale. Più è alto più denota rango! Con il passare del tempo questo vessillo cessa di esistere e i colli si abbassano, lasciando spazio a ruches e volants. Dal neoclassicismo, la camicia prende una strada autonomia, per siglare la sua indipendenza nell’Ottocento quando le donne ne prendono possesso. E iniziano ad abbinarla a gonne e giacche di stoffe sottili e morbide.

pimkie

Il trend interpretato da Pimkie

Per Pimkie il bianco romantico è declinato su un abito a ruota lunghezza sopra al ginocchio, con delicate applicazioni in guipure in evidenza su maniche, busto e orlo. Una vera chicca la camicia con maniche corte a palloncino in tessuto a rilievo floreale che fa subito effetto “signorina”, ma se abbinata ad un jeans strappato e dal mood più rock crea un piacevole contrasto di stile, rendendola super contemporanea. La salopette classica di jeans délavé è subito protagonista abbinata ad una semplice t-shirt bianca.

pimkie

Eventi

Pollinate the planet

Salviamo le api con Tezenis